domenica 13 marzo 2011

Non sara' un'altra Chernobyl....

La tragedia Nipponica, mi rattrista e riporta il pensiero su quel 6 aprile del 2009 che ha sconquassato L'Aquila, di quella ferita ancora aperta che attende di esser santa. Tornando alle immagini cruente del Giappone, ora a tenere il fiato sospeso sono le centrali nucleari, ricordo ancora la tragedia di Chernobil, e la mamma che aveva tolto dalla circolazione frutta, verdura e latte. Questo per far rendere l'idea delle dimensioni di un'avvenimento lontano 2000 chilometri, quindi mi auspico che le prossime notizie siano solo ben auguranti, perché lo tsunami potrebbe impallidire rispetto alle conseguenze di un disastro nucleare che nel sopracitato evento, ebbe effetti 100 volte superiore a quello di Hiroshima e Nagasaki, se messe assieme in termini di contaminazione ambientale. Tutto questo preambolo per scrivere che il nostro paese con il glorioso appoggio delle lobby del settore (francesi?) sono indirizzate verso il nucleare boicottando le energie alternative (leggetevi questo), per portare avanti un progetto pericoloso ed antieconomico nel tempo. Per il resto mi rimetto al giudizio della corte, perché dopo aver ascoltato e letto alcuni commenti di "esperti" del settore, sull'attuale situazione dei reattori giapponesi e delle lievi conseguenze in caso di fuoriuscita di materiale radioattivo, mi viene il dubbio che la lobby vada ben oltre la mia più fervida immaginazione.

26 commenti:

  1. Ritornano gli incubi che sembravano dimenticati.
    Incubi che evidenziano gli effetti di una globalizzazione fasulla in cui di globale c'è solo la stupidità umana.
    Un pannello fotovoltaico che si rompe non è paragonabile ad una centrale nucleare che va in pezzi.
    Due ordini di grandezza estremaneti diversi.
    Il terremoto ce l'hanno in testa quei pochi cretini che governano il mondo.
    Ciao Mark

    RispondiElimina
  2. La follia umana non ha limiti.
    Queste tragedie faranno fare un passo indietro a chi ci governa? Sicuramente no.

    RispondiElimina
  3. Lo stesso concetto che ho espresso nel mio blog..a modo mio..
    Non so se si è inteso :(

    RispondiElimina
  4. La cosa che più mi sconcerta è proprio l' incapacità a recedere da certe posizioni per orientare gli investimenti verso una nuova direzione migliore per tutti.

    RispondiElimina
  5. Con il post dell'amica Grace, questo è il più bello, anzi MA-GNI-FI-CO letto in questi giorni sul pericolo uomo. Eravamo ragazzini durante i giorni di Chernobil, e anche allora c'era una lobby trasversale (sì, andava anche allora ben oltre la più fervida immaginazione), che alla fine venne sonoramente battuta. Oggi, nonostante i progressi tecnici, siamo ancora qui, e loro sono ancora lì. Dovremmo batterli ora come allora.
    p.s. ora da Chernobil e dintorni arrivano d'estate ragazzini colpiti nel fisico, ragazzini come noi allora. Ricordiamoci di loro. Ricordiamoci di Chernobil (si scrive così?).

    RispondiElimina
  6. Caro Mark, non credo che questo bloccherà nessuno dei signori che, per i loro interessi, proseguiranno sulla loro strada.
    Forse inventeranno qualcosa per distogliere l'attenzione o racconteranno che gli impianti giapponesi erano obsoleti...
    Chi non si ricorda di Chernobyl?
    Un caro saluto,
    Lara

    RispondiElimina
  7. Non solo propinano il nucleare, ma hanno tolto gli incentivi al fotovoltaico. Questo significa che si fa un passo avanti e tre indietro. E l'unico passo avanti è moooolto pericoloso...

    RispondiElimina
  8. Sto pensando a quanti andranno al mare piuttosto che a votare per il referendum sul nucleare, alle centrali che verranno costruite nel nostro paese, notoriamente ad alto rischio sismico, con il cemento armato impastato con la sabbia marina.
    E sto tirando una sequela di diesille da far impallidire qualunque tsunami.

    RispondiElimina
  9. Anch'io sono in ansia. E ricordo bene Chernobyl.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. potremmo stopparli col referendum, ma i mayali l'hanno fissato per giugno, quando l'elettor-telespettatore medio col cervello nel culo sarà impegnato a godersi il suo bel weekendino fuoriporta e fuoritesta... :-(

    RispondiElimina
  11. neanche noi sappiamo piu' cosa sta accadendo la' dentro... mi sembra che la situazione sia seria... spero che possa evitare la catastrofe come chernobyl...
    questo terremoto ha superato di molto la nostre previzioni... dobbiamo rafforzare anche gli altri siti...

    RispondiElimina
  12. E i lobbisti se ne ricordano bene di Chernobyl, vai.
    E sanno che devono prendere per il culo e per il collo il popolino per tempo, cercando di far passare posizioni che fanno a cozzi con la logica, l'opportunità, il buon senso. Ma sanno anche che nonostante l'italico rincoglionimento bisogna che gli italiani, in quelle urne, non vengano fatti entrare.

    RispondiElimina
  13. @Gianni...Come avevi scritto nel tuo post Gesù è figlio unico, e io avevo risposto che pochi stronzi coscienti di esserlo ci fottono globalmente.
    Ciao Gianni

    @Stefania...Il passo indietro dovremmo farlo anche noi, sperando di poter ancora rimediare.

    @Grace...passo dal tuo Blog e riferisco li...:-)

    @Ally...la nostra memoria come la storia hanno vita corta nelle nostre menti. Dici bene "ricordiamo" e soprattutto impariamo dai nostri stessi errori

    RispondiElimina
  14. @Lara...Gli eventi stanno ora evolvendo verso il non nascondibile, ora ci sono le prime ammissioni sulle fughe e fusioni in atto...però secondo loro è tutto sotto controllo.

    @Ariano...I passi avanti sono solo per le lobby di ogni sorta, mentre per gli altri non resta che regredire....io non ci sto cazzo!!!!

    @Alessandra...sono andato a vedere cosa sono le diesille, approvo e se posso mi unisco virtualmente al canto.

    @Kylie...un'ansia che si tramuta in una constatazione triste di cio che sta accandendo nella nostra totale impotenza.

    RispondiElimina
  15. @Zio...Sono preoccupato molto e su troppi fronti, di questa dilagante superficialità che imperversa nella nostra società che non riesce a pensare e vedere autonomamente...il cervello nel culo presuppone la presenza del cervello, non ti facevo così buono.

    @Titti...Che dirti se non un grande in bocca al lupo

    @WebR...Non posso che concordare su quanto scrivi tu e gli altri, oggi al lavoro ho dovuto lottare per far capire che il nucleare non è il futuro, ma solo uno spaccato del passato...pensi che avranno capito?

    RispondiElimina
  16. Noi in Veneto siamo piuttosto incazzati per il boicottamento delle energie alternative a favore del nucleare. Siamo la prima regione per investimenti in questo settore e dopo i tagli paventati dal governo, molte aziende prevedono licenziamenti e cassa integrazione. Era (è) un settore che poteva promettere molto in tutti i sensi e a causa di quattro *++++** sembra tutto messo in discussione. NOn si può vivere in questo modo!!!

    RispondiElimina
  17. ma se non riescono a risolvere il problema dell'immondizia in Campania come pensano di poter gestire una (o più) centrali nucleari? Gliel'hanno detto ai "signori" che quelle scorie non possono seppellirle né mischiarle con l'asfalto? :(

    RispondiElimina
  18. Il futuro è nelle energie rinnovabili;rispettano l'ambiente e sono inesauribili.Saluti a presto

    RispondiElimina
  19. Vedo solo tristi prospettive, ahinoi!

    RispondiElimina
  20. @AngeloA...Se qualcuno pensa che l'attuale classe politica, nella sua interezza possa portare qualcosa per la comunità si sbaglia di grosso. Il problema è che in molti pensano al contrario, troppo presi dalle imprese mistiche dei loro leader.

    @TuristaDM...Il problema lo risolverebbero in parte utilizzando i stessi canali dei cuginetti francesi, l'Africa è vasta, poi per mantenre l'alone di legalità un sito compiacente lo si trova sicuramente.

    @Cavaliere...Il collegamento all'articolo del sole 24 ore fuga ogni dubbio stroncando proprio quelle energie da te citate.

    @Adriano...Si anch'io non sono ottimista, mi sento totalmente impotente.

    RispondiElimina
  21. E' una catastrofe...che insieme ad altri eventi nel mondo, lo stanno portando alla distruzione... scongiuriamo un altra Chernobyl,sarebbe un disastro, mentre sento che il nostro governo continua imperterrito sulla sua strada con il nucleare...ritorno sempre sul mio concetto di umanità...che sta finendo...mi viene in mente una frase che diceva una persona a me cara che ora non c'è più "il progresso è regresso"...e aveva ragione...mi domando che fosse l'inizio della fine? un saluto a te Mark...

    RispondiElimina
  22. Scusa Mark ho notato che non mettendo la punteggiatura non è che si legge proprio bene..."perdonami"!!!A prsto...

    RispondiElimina
  23. @Angeloblu...Che stiamo regredendo è fuori dubbio, però ci sono molte mente pensanti che mi danno un briciolo di speranza.
    Non ti preoccupare per la punteggiature, si capisce benissimo...:-)

    RispondiElimina
  24. Cosa faranno poi gli Italiani quando si dovrà andare a votare sul nucleare????
    Se il no al nucleare dovesse perdere oppure non ci dovesse essere il quorum, allora penserò che ci meritiamo il modo in cui i nostri governanti ci governano, perchè siamo e saremo sempre delle stupide pecore.....

    RispondiElimina
  25. Scusate , ma non c'era già stato un referendum sul nucleare o ricordo male?
    Ad ogni modo sono contro. Se lo stesso terremoto fosse stato qui, sarebbe stata la distruzione totale in ogni senso. Vi ricordo i vulcani dormienti e tanto altro.

    Beh più di tutti ci sintetizza lui:
    http://leganerd.com/2011/03/16/maurizio-crozza-ballaro-15-marzo-2011/

    RispondiElimina
  26. Paura Paura
    Ricordo Chernobil.
    :-(
    Il nucleare io ho sempre detto no e dirò ancora no al nucleare.
    Si ci sono stati i referendum qua in Italia, non ricordo l'anno.

    RispondiElimina

La critica è ben accetta perchè aiuta questo spazio nella crescita e nella trasformazione