martedì 25 gennaio 2011

Pane e libertà

Pane e libertà non è il titolo di un inedito di Comencini recuperato dagli archivi, ma uno degli slogan che viene gridato, urlato, sbraitato dai dimostranti al Cairo contro il presidente Mubarak. Qualche migliaio di chilometri più a ovest, dal 17 dicembre la Tunisia è in subbuglio per la guerra denominata del pane, dovuta agli aumenti ingiustificati nel settore alimentare, il presidente ha pensato bene di darsela a gambe levate portando con se 1.5 tonnellate di oro, fonte servizi segreti francesi. Saliamo a nord-est mentre a Tirana impazzano altre manifestazioni, chiamiamole così, dove periscono in modalità sconcertanti esseri umani....momento di raccoglimento...Sali Berisha, compagno di merende di loschi figuri, per distendere le tensioni utilizza un metodo caro a Napoleone...e annuncia premi per gli ufficiali che hanno sedato la rivolta. Finalmente Maga Mago è intervenuta in Irlanda per risolvere la crisi in corso, salvo poi accorgersi che trattasi dell'ennesima presa per il culo, tanto la sovranità della moneta rimane ben salda alla BCE. Spostandosi di poco gli spettri della recessione, o dell'ennesima teatrale messa in scena, si abbattono sui Regni della Regina con una brusca frenata del PIL (un'odiosa parola che ci tiene stretti tra le palle) nell'ultimo trimestre del 2010, facendo registrare un calo dello 0,5%, in poche parole tiriamoci su le mutande che stanno per arrivare altri siluri. Torniamo a sud nella già inguaiata Grecia dove per il 24 febbraio sono previste nuove difficoltà. Nel frattempo un kamikaze si è fatto saltare a Mosca per non far mancare lo spettacolo pirotecnico. Questo non è un resoconto di cronaca che volevo fare, mi permetto l'ardire, questo paese viene quotidianamente distolto dalla realtà con artefizii di ogni genere, con parodie dilettantistiche, culi e tette elargiti a iosa, si distorce la realtà facendo pervenire immagini di quiete relativa come fossimo in un tritacarne avveniristico, o si piazza la bomba mediatica che cattura l'attenzione verso il superfluo....sono stanco di esser valutato come in  un programma avanzato di marketing....mi sono rotto i coglioni...non vi fate distrarre,  Pane e libertà non voglio girarlo da attore protagonista, e spero neanche voi.

29 commenti:

  1. E' la solita aria che tira prima di qualcosa di molto grosso. Il cambiamento deve nascere sempre dal basso perché sia vero. Purtroppo nella maggior parte dei casi si arriva ad un colpo di stato, una guerra mondiale. Se in Italia ci danno in pasto ancora i culi e le tette delle amiche del premier è perché stanno per sferrare l'attacco finale alla nostra libertà e alla nostra ... fame. Ci sveglierermo un giorno e cui diranno: 'pazienza finora abbiamo scherzato, da oggi si fa sul serio' e ci troveremo con le braghe in mano e un fucile (non metaforico) puntato alla testa.
    temistocle

    RispondiElimina
  2. Uhao Mark! Io i c....i non ce li ho per differenza di genere ma me li sono rotti da un bel pezzo.
    Quello che dice Tim non è lontano. Stiamo all'erta perché le cose non sono così allegre, ovunque

    RispondiElimina
  3. Devo, in base a quello che ne capisco, concordare per forza di cose con chi mi ha preceduto, compresa - lo sottolineo con soddisfazione - l'amica @I am.

    RispondiElimina
  4. Mi chiedo: ma agli italiani è stato fatto un incantesino? Qual è la benedetta formula magica per svegliarci?

    RispondiElimina
  5. Mi sa che l'incantesimo fatto agli italiani si chiama telelobotomia... un buon 50% di loro non si riprenderà mai: mancasse anche il pane, accetterebbero di darne la colpa ai giudici comunisti...

    RispondiElimina
  6. Io sono in apprensione per quanto ci sta accadendo intorno: ma penso che tanti dei nostri connazionali, tutto sommato preferiscano vedere in tv tette etc, piuttosto che le piazze delle proteste.
    Il nostro grado di sensibilità democratica è ancora troppo esiguo. Va beh "nostro"...cioè "loro"!
    Ciao Mark! Sara

    RispondiElimina
  7. Tempi duri e pericolosi questi. Il rischio di trovarci con il culo per terra è serio, bisogna insistere a svegliare il popolo dall'incantesimo

    RispondiElimina
  8. non preoccuparti, gli italiani moderni non saranno mai protagonisti del loro futuro e del loro pane e libertà , impegnati come sono a leggere novella 2000 della politica !
    Antonella

    RispondiElimina
  9. @Tim...penso che "l'attacco" sarà molto più fine di una guerra e il fucilie sarà autopuntato.

    @I am...concordo, la prossima volta utilizzero anche "le ovaie" per non creare confusione.

    @Adriano...grazie per la condivisione

    @Turista...formule alchemiche di nuova generazione!

    @Zio...forse la percentuale è più alta, e darebbero la colpa a tutti meno che a loro stessi.

    @Sara...non è intorno a noi, noi ci siamo dentro. saluti

    @AngeloA...almeno il culo saprebbe dove poggiarsi.

    @Antonella...vabbè mi butto sul Corriere dello sport almeno divago...:-)

    RispondiElimina
  10. Sembra proprio che un incantesimo sia calato sugli italiani, una sorta di sonno, di intontimento, di rincoglionimento. Ci sta accadendo come la rana della storiella. Se butti la rana in una pentola d'acqua bollente, lei schizza via e si salva. Se la metti nella pentola con l'acqua fredda, lei nuota contenta. Poi pian piano scaldi l'acqua, e lei sempre contenta. L'acqua sarà sempre più calda, e la rana pian piano intorpidita, morirà bollita senza nemmeno accorgersene. A noi sta accadendo questo. Accadono cose gravissime, scandalose, ma pian piano ci siamo abituati a considerarle la norma. Accettiamo poco a poco qualsiasi nefandezza, qualsiasi azione contro ogni etica e morale... La cosa è preoccupante, ma mi sembra che per ora non ci sia via d'uscita.

    RispondiElimina
  11. Concordo con gran parte dei commenti.
    Il popolo italiano è sostanzialmente fesso ed ignorante, tutto teso a guardare il dito e non la luna che il dito indica.
    Temo che ci vogliano ancora un pò di anni per tentare una vera rivoluzione popolare, mentre forse ci vorrà qualche secolo per una rivoluzione interiore propedeutica a quella sociale.
    Qui si parla di rivolte, di ribellione.
    Ma, purtroppo, una rivolta, per quanto si estenda in fretta ed a macchia d'olio, non è organizzata e, come tale, così com'è corre il rischio di essere soffocata con le solite armi della tirannia.
    Mi sembra più che altro, allo stato, una reazione violenta ad uno status insopportabile.
    Spero di sbagliarmi e di vedere finalmente i popoli riappropiarsi dei propri diritti.
    Forse il vento sta cambiando ......

    RispondiElimina
  12. @Viola...veramente carina e calzante la storiella della rana...cotti a mangiati dal servente di turno.

    @Gianni...le rivoluzioni e le guerre in passato hanno fallito miseramente eliminando momentaneamente il problema sostituendolo con un altro. La rivoluzione interiore condivisa a larga scala un'ipotesi, come un'onda di tsunami immensa e inarrestabile che al passaggio azzera tutto.

    RispondiElimina
  13. In effetti le cose nel mondo anche a noi vicino stanno precipitando e di fronte a questi disastri da noi prevale il bunga bunga. Non so dove andremo a finire ma non sono ottimista.

    Bacio

    RispondiElimina
  14. dove andremo a finire ? o dove siamo finiti?
    non ho un televisore (per scelta per cui mi perdo parte del teatrino!
    non andremo a finire molto lontano finchè ci saranno migliaia di ragazzine ...studentesse ...neo laureate ...precarie che squittiscono per le Loboutin (scarpe da 550E)...la Kelly (borsa da 6000E) ..le Mulberry ( altri 1300 E) ..Topshop...
    Asos... i blog più popolari sono un bell'osservatorio dei sogni e delle aspirazioni
    di una generazione !!!
    non siamo tutti così...ma per ora incassiamo un bel 300 a 20 ......riferito a commenti!!!

    ave

    RispondiElimina
  15. Magari è arrivato il momento di toccare il fondo! Come dici? Lo abbiamo già toccato? Allora è meglio prepararsi a scavare!

    RispondiElimina
  16. @kylie...da noi prevale quello che vogliono far prevalere...per quanto riguarda l'ottimismo lo sono per l'approccio mentale, ma non lo sono per i fatti che ne verranno a scaturire. Del tipo che questo cambiamento deve diffindersi almeno in alcuni luoghi decisionali.

    @TheW...Loboutin (scarpe da 550E)...la Kelly (borsa da 6000E) ..le Mulberry ( altri 1300 E)...inquietanti oggetti di cui ignoravo l'esistenza...ed in effetti contenuti e pensieri non tirano, mentre i contenuti sessuali che invece tirano parecchio...Ave...;-)

    @Federica...se si tratta di scavare ben venga, la manualità mi piace, farei volentieri il contadino, però per il fondo c'è ancora tempo, pultroppo.

    RispondiElimina
  17. bisogna accorgersi di aver toccato il fondo per poter scavare. e non mi pare di vedere molte persone consapevoli di quel che ci sta accadendo...meglio pensare alle tette e al bunga bunga. che tristezza .

    RispondiElimina
  18. Caro mark, parole ben dette, e a quanto vedo condivise da molti di voi e di noi.
    Il pericolo di rivolte comincia ad aleggiare anche in Europa, gli uni contro gli altri o tutti uniti contro il sistema????
    Per quanto riesco a capire siamo in un punto di criticità molto alto, con l'Africa mediterranea in subbuglio (anche sotto il piano religioso), l'Albania, per quanto si possa dire, è un altro pezzo di Europa con tali rivolte dopo la Grecia , Irlanda e Portogallo stanno lottando per non affondare....
    Ad occhi aperti si capisce che anche noi Italiani non siamo in un bel momento politico ed economico, ora la domanda è cosa fare???
    Ma non possiedo la risposta, posso solo invitare tutti alla calma è non incitare all' estrema violenza, che a ben pensare, molte volte viene fomentata e cercata proprio per creare nuovi regimi liberticidi.....

    RispondiElimina
  19. @Soprammobile...anzi sono convinti di trovarsi in un epoca d'oro, e di grandi democrazie...e come spesso asserisce Zio sciba solo orde di lobotomizzati.

    @Max...quella distinzione in voi e noi un pò mi lascia perplesso, per il cosa fare materialmente non saprei...qualsiasi cosa fosse farla uniti è l'unico modo.

    RispondiElimina
  20. Sono con te Mark, sono stufo come te. Tutta st'aria fritta che vendono giornali e tg, il tg3 neppure si salva.

    RispondiElimina
  21. Ieri facevo le tue stesse riflessioni, rimaniamo rinchiusi nel nostro bozzolo di nulla, ci lasciamo riempire di schifezze di cui nulla ci importa, spendiamo energie nel tentativo di difenderci dalla cacca di gentaglia che ci ritiene beoti...ma saremo davvero beoti? me lo chiedo e purtroppo mi rispondo. Sono indignata e schifata ma ciò che temo di più è la rassegnazione. Intanto, continuo a fare la raccolta differenziata (nonostanza sappia che poi i rifiuti vengono indifferenziati e venduti alla camorra), continuo a pagare il tiket (nonostante tutti autocertifichino l'esenzione), ecc.ecc.ecc....

    RispondiElimina
  22. @Davide...siamo in tanti, ma laguerra con le baionette è dura da vincere.

    @FrammentA...Come dicevo sopra sono in molti a fare queste riflessione ed in molti ad applicare i tuoi stessi modelli comportamentali...però sinceramente, ne ho pieni gli scoiones!!!...vorrei una soluzione quantomento un principio uno spunto...è dura lo so!
    Saluti e bentrovata

    RispondiElimina
  23. Il nuovo oppio del popolo...Il puttantour!
    P.S.
    La colpa è di tutti o quasi...certi personaggi sono anche il 'nostro' specchio.

    RispondiElimina
  24. @Nicole...Dicesi puttantour: "Pratica diffusa negli anni 80/90 per visionare signorine compiacenti nelle strade a loro dedicate, da parte di giovani in cerca di avventure a basso costo"
    Puttantour 2010/11..."Pratica diffusa per indicare, facoltosi e potenti signorotti dediti ad elargire regali e regalini a signorine/i pronte a scalare la piramide del potere"

    RispondiElimina
  25. Ma... che c'entra la foto della topa stesa? Perchè culi e tette distolgono dalla realtà? E allora non sarebbe stato meglio non metterla nel post? Io faccio fatica a capire me stesso, ma vedo che anche gli altri non hanno le idee chiare.
    PS E' passato un anno dai fatti. Novità in merito?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non saprei forse è il "fattore" trainante che negli ultimi mesi ha portato un post anonimo alla ribalta di questo Blog. Se pensassi di aver capito qualcosa sarei un ipocrita, anche un po' coglione, penso solo di esser un tantinello più consapevole, meno ipnotizabile e più disposto al dialogo. La cosa curiosa è che ho dovuto rileggere il post perchè non lo ricordavo, e mi è sembrato di legggere una sequela di notizie più o meno satiricamente esposte.
      Grazie per il passaggio...poi mi spieghi come sei arrivato al post ;-)

      Elimina
    2. Che domanda! Al post ci sono arrivato perchè sulla home del tuo blog capeggia la foto dalla topa. Purtroppo sono un maschio sensibile al fascino femminile. :D
      Magari ne metterò una sulla home del mio.

      Elimina
    3. La topa in primo piano non è opera mia, ma di tutti coloro che cliccano inconsapevolmente...:-D

      Elimina
  26. Ho cliccato consapevolmente, ci vuole più topa sul tuo blog.

    RispondiElimina

La critica è ben accetta perchè aiuta questo spazio nella crescita e nella trasformazione