sabato 2 giugno 2012

Nell'attesa....un pensiero

 Un fatto è ora limpido e chiaro: né futuro né passato esistono. È inesatto dire che i tempi sono tre: passato, presente e futuro. Forse sarebbe esatto dire che i tempi sono tre: presente del passato, presente del presente, presente del futuro. Queste tre specie di tempi esistono in qualche modo nell’animo e non le vedo altrove: il presente del passato è la memoria, il presente del presente la visione, il presente del futuro l’attesa.
Sant'Agostino
E' tutto chiaro, no!!! ^_^...Nell'attesa del mio ritorno mi stampo due bancoNOTE, e mi gusto l'indugio della nuova alba. Sto per tornare!!!!!!!!!!!!!!!!

25 commenti:

  1. A rigore di logica nemmeno il presente esiste. Appena lo osservi è già passato. Le cose che vediamo hanno rimbalzato fotoni dentro il nostro occhio un infinitesimo prima, la nostra retina ha reagito elettrochimicamente in un ulteriore infinitesimo, poi un altro infinitesimo per trasmettere l'impulso al cervello e un altro ancora per elaborarlo. Eccetera.

    RispondiElimina
  2. Caro Mark in poche parole hai messo il dito nella piaga, ci troviamo che non sappiamo se il presente esista davvero, c è tanto sgomento su questo presente ci non sappiamo dove siamo.
    Io ho messo il titolo del mio blog, passato e presente! il futuro non lo sapremo mai. Buona domenica coro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Dai, ti aspetto! spedisci anche qualche banco-nota se puoi!
    A proposito dei tempi: penso che il futuro non esista perchè quando lo vivi è gia' presente che, trascorso l'attimo, è gia' passato.Rimane il passato che, se sei come me rimbambito, non lo ricordi nemmeno..Allora conta cosa hai vissuto o cosa ricordi di avere vissuto?
    Ciao mark.

    RispondiElimina
  4. Ci siamo Maggggggico Mark :)

    RispondiElimina
  5. infatti era da un bel po che mancavi...e senza di te non avrei ritrovato il caro e preciso Lorenzo ahahahah
    ciao Mark

    RispondiElimina
  6. Grande filosofo, ma non mi ha convinto.Ad una certa età esiste soprattutto il passato.

    RispondiElimina
  7. Stai per tornare,quindi eri già partito?Che confusione coi tempi,importante e che noi ti asettiamo.Ciao

    RispondiElimina
  8. L'unica cosa che abbiamo è il presente: il passato non c'è più...del doman non v'è certezza! Viviamolo bene, senza sprecarlo, come fosse un bene preziosissimo.
    P.S. ma sì, stampiamoci un pò di banconote và! Ma com'è che nessuno ci aveva pensato prima? I geni non finiscono mai di stupirci! Ahahahahahaha :)

    RispondiElimina
  9. Ciao Mark!
    Visto che ci sei stampane due anche per me... Non c'è mai fine al peggio, eh?!
    Buona domenica! :)

    RispondiElimina
  10. ahahah, in che senso "torni"?
    post sibillino, che intendi?
    (che ti hanno cacciato e torni all'ovile? hihihi)
    comunque è vero, gira che ti rigira si torna sempre da dove si è partiti, continue ripartenze la vita! ^_^

    RispondiElimina
  11. Ogni attimo che viviamo appartiene già al futuro.
    Ogni attimo è già il passato.
    Manca il presente.
    Forza, torna.
    Cristiana

    RispondiElimina
  12. In effetti esiste solo il presente, almeno quello che possiamo toccare ...il passato influisce su di esso, e il futuro è sogno (o incubo ... ma anche il passato). Insomma, sono confuso ...

    RispondiElimina
  13. Prima o poi devo mettere mano agli scritti di San Agostino. Ma sarò abbastanza intelligente da capirli?

    RispondiElimina
  14. Sant'Agostino secondo me è ampiamente sopravvalutato. Tra l'altro lui e gli altri Padri della Patristica hanno dato la stura a secoli di sofismi teologici che alla fine hanno prodotto un Cattolicesimo che o viene simpaticamente ignorato nei sopracitati sofismi, cioè la maggior parte dei "fedeli" partecipa senza sapere praticamente nulla della teologia, oppure provoca ripulsa sia per lo stridere dei sofismi con la figura di un Gesu tra i poveri (vedi Francesco), sia per gli evidenti paradossi che generano invece di risolverli. Basta andare a rileggere la storia della Chiesa, coi suoi concili, gli scismi, le eresie, riforme e controriforme, movimenti pauperistici, eccetera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow sono d'accordo con te Lorenzo...questa cosa mi preoccupa :))

      Elimina
  15. Ma qui si cita Sant' Agostino!!! Bellissimo, grandioso :-))))
    Amo questo santo filosofo, sicuramente complesso nelle sue "confessioni" ma con una grande capacità di arrivare al cuore ed illuminarlo!
    Sant' Agostino afferma che:"Il tempo è "distensio animi" e ciò che viene misurato dall' anima non sono le cose nel loro trascorrere, ma l'affezione che esse lasciano e che perpetua nella nostra anima anche quando esse sono passate. Le tre dimensioni del tempo sono le tre articolazioni del distendersi dell'anima: il ricordo , l'attenzione a qualcosa , l'attesa. L'anima consente di collegare le tre dimensioni temporali in un' unità. La conseguenza é che, se non ci fosse l'anima, non ci sarebbe il tempo. L'unità divina, invece, comprende nel presente stabile della sua eternità tutto ciò che é stato, è, e sarà . In tal modo, l'unità divina è la garanzia che il tempo, che è traccia della nostra lacerazione e lontananza da essa, non trascini tutto verso il non essere"!!!!!!!
    Spero mark che mentre indugi... in attesa della nuova alba, tu possa scorgere quel meraviglioso "green ray" ;-) un abbraccio!

    RispondiElimina
  16. Era ora! Sei latitante da un po'.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  17. Ogni tempo ha, secondo me, un suo significato. E tutti importanti. Sarà perché Agostino mi interessa solo in sede storica? :))

    RispondiElimina
  18. Se t'avanza un pò di carta pensa a me! Hahahahahahahah
    Dai torna :)

    RispondiElimina
  19. Ma esiste il presente? In effetti a ben pensarci basta un battito di ciglia e già non è più presente: un attimo prima era il futuro, un attimo dopo è già il passato.

    RispondiElimina
  20. occhio a stamparti le banconote a non far concorrenza a berlusconi...

    RispondiElimina
  21. ...perché solo DUE bancoNOTE??? :P

    RispondiElimina
  22. Un grazie per la vostra presenza e un perdono per la mia incostanza...non voluta ^_^

    RispondiElimina

La critica è ben accetta perchè aiuta questo spazio nella crescita e nella trasformazione