sabato 30 luglio 2011

Insalatina a Central Park

La crisi si fa sentire,e mangiare è una priorità irrinuciabile, però arrivare al paradosso di dover mangiare il prato di Central Park comincia a preoccuparmi oltre il dovuto. Certo la notizia enfatizzata o distorta che sia ha un suo significato, in una nazione dove gli estremi si sfiorano alla velocità di un clic, l'emulazione da esportazione, tranne per le zone desertiche dove si potrebbero riscontrare alcuni problemi di approvvigionamento idrico, avrebbe conseguenze devastanti. Si ripropongono gli spettri della grande depressione del 29, mentre la globalizzazione impone ritmi e schemi da schiavismo corporeo e mentale, ci si ferma un'attimo nel prato e si fa uno spuntino. Ricordo in merito lo spot di un noto marchio di aceto balsamico (non provateci per favore) dove la caduta di una boccetta "dell'elisir" sul prato provocava goduriosi signori benestanti, forse annoiati dai soliti miseri piattini. A suo tempo trovai il tutto una tremenda cagata, oggi la riscontro nella realtà, e penso a tutti quei giochetti economici per alzare i prezzi delle materie prime alimentari, controllare i mercati e gettare il mondo globalmente alla ricerca del cibo. Gli ingredienti ci son tutti, tanto per rimanere in tema, poi travestiti da nuovi Dei compariranno i salvatori del mondo e lo schiavismo sarà per tutti irrinuciabile prerogativa di vita.
Chapeau.


22 commenti:

  1. Troppi abitanti sul pianeta.
    Troppi schiavi per i soliti padroni.
    Prima l'erba se la fumavano mentre ora sono costretti a mangiarsela.
    7 miliardi di schiavi così fessi ed abituati a stare in catene che non ci provano neanche a ribellarsi. Preferiscono crepare che disturbare il padrone.

    RispondiElimina
  2. Fino a poco tempo fa avrei ritenuto questo post pessimista e poco credibile, oggi mi pare plausibile e più che attinente alla realtà. Ma quello che è peggio è che molti non se ne rendono conto, non l'accettano, non vogliono vedere. Mah...
    Buona serata Mark, a presto!

    RispondiElimina
  3. Come dire il pubblicitario era molto avanti.....

    Buona notte Mark

    RispondiElimina
  4. Io ho imparato a non stupirmi più di niente...

    RispondiElimina
  5. ... e il problema è che le ricette dei cosìdetti grandi (o grandi cosìdetti?) sono sempre quelle che hanno causato la crisi: privatizzazioni, riduzioni delle tasse (ai ricchi), pensionamenti sempre più avanti,riduzione della spesa pubblica, guerre, guerre, guerre ...

    RispondiElimina
  6. Molto sinteticamente vero. A parte il fatto che noi l'aceto balsamico, quello vero, lo facciamo - davvero - il tuo post é crudo e centrante. Vedremo ai primi di agosto se i repubblicani americani vorranno mettere in seria difficoltà il mondo per raggiungere i loro obiettivi. In ogni casi oggi é vero quello che trenta anni fa si diceva e sembrava appunto un vaneggiamento e che si sintetizzava - quando il resto del mondo vorrà stare meglio, noi staremo peggio - Ciao

    RispondiElimina
  7. Poi c'è un gruppo di persone che fa lo sciopero della fame davanti Montecitorio e nessuno ne parla...Cosa vuoi,è più importante informare la gente cercando di scoprire quale sarà il tormentone estivo...

    RispondiElimina
  8. Il mondo è nelle mani di pochi,che controllano la vita di tutti;bisogna invertire la rotta.Saluti a presto

    RispondiElimina
  9. ..Il gioco è nelle mani di pochi: noi non solo non partecipiamo ma ne subiamo le conseguenze..E' un'amara realtà che viene difficile accettare, almeno che non si ritorni al sistema dello scambio reale di materie e servizi: ad esempio tu mi porti un pollo io ti riparo il lavandino, tu mi insegni l'inglese io ti porto pane e olio ad ogni lezione.Da tutto ciò sarebbero esclusi i manipolatori virtuali dell'economia e la loro pesante influenza ora anche sulla stabilità dei governi...
    ...Quello spot mi ha fatto sempre vomitare...

    RispondiElimina
  10. Ridendo e scherzando io la gente che fa il radicchio al parco la vedo spesso e volentieri.
    Ci sono anche gli orti per i pensionati.
    In una economia di guerra si potrebbero incrementare.

    RispondiElimina
  11. ieri ero dal meccanico mi ha fatto un preventivo per una riparazione, vende anche nuovo.
    Dice che si vende sempre meno, soprattutto macchine economiche, mentre tirano i soliti bulldozer. Il problema è che per vendere un bulldozer devi ritirare un bulldozer e quello non lo rivendi nemmeno ad un'azienda, men che meno ad uno che solitamente compra buldozer perchè comprarne uno usato non fa abbastanza figo perchè nessun Lapo publicizza questa usanza.
    Tanti tornano a ripèarare. Spendi ogni anno 1500 Euro e copo 5 anni sei a 7500 euro di riparazioni e non arrivi alla svalutazione di nessuna vettura in 5 anni.
    Soffrono sempre gli schiavi (come dice Gianni). Che poi siano americani, indiani, messicani, siciliani fa poca differenza. L'america quella dei bianchi e comunque dei ricchi non soffre a central o decentral Park. Credo sia ancora l'america e adesso i ricchi hanno tutto interesse a seminare paura e panico tra i pover... l'aceto possono mettercelo loro in promozione.

    RispondiElimina
  12. Stavo giusto pensando di fare un salto a S.Siro (gesso permettendo)
    Buon Agosto
    Paolo

    RispondiElimina
  13. C'é, con tutto questo, nel mondo uno spreco inaudito di risorse alimentari!

    RispondiElimina
  14. @Gianni...Sposo in pieno la tua tesi, anche se qualche gregge tenta di defilarsi

    @DonaF...Questi cambiamenti di direzione sono dovuti alle cattive frequentazioni nella blogosfera ;-)

    @Sabrine...Di nonna?

    @I am...Predizioni da non sottovalutare

    @AngeloAzzurro...C'è sempre tempo per stupirsi.

    @Ally...Una palude dove sguazzano troppi marpioni

    @Soffio...Speriamo che i vaneggiamenti che tanto si propagano in giro non trovino realizzazione in futuro.

    RispondiElimina
  15. @Violet...Si raccontano le storie più comode per gestire il tutto in sincronia.

    @Cavaliere...Bisogna buttare in mare un po' di noi per non creare danni e riprendere una buona rotta.

    @Mr.H...Ho letto che in alcune parti della Grecia sono stati reintrodotti simili opzioni e boicottate le banche locali introducendo delle "monete" locali.

    @Lorenzo..Un conto l'orticello un conto il prato all'inglese, Forse è per questo che gradualmente i campi di calcio saranno tutti sintetici ;-)

    @Mariolino...Ho un caro amico che vive tra Miami e Newyork, e in base a quel che ho potuto capire non è propri tuttto rose e fiori, c'è molta facciata e poca sostanza.

    @Paolo...Approfitta ora che le zolle son fresche perchè all'inizio del nuovo campionato rimane ben poco. Bentrovato

    @Adriano...Non vi è un reale spreco, quanto un abile controllo.

    RispondiElimina
  16. Quello spot era orribile ma ora...quando la realtà supera la fantasia!?! Mi sembra che il mondo sia come una biglia sfuggita di mano a qualcuno, dall'alto di una scalinata. Prima fa qualche scalino...e poi sempre di più, di più e nessuno riesce a fermarla....Finirà in fondo a un pozzo. A questo punto interverrà un altro spot "bùttati che è morbido!". Mi tocca dire cavolate per non piangere.
    P.S. Bravo Mark. Post centratissimo.

    RispondiElimina
  17. Sovrappopolazione e povertà sono molto più pericolosi delle armi nucleari...

    RispondiElimina
  18. Se continuiamo a non usare il cervello,l'autodeterminazione ed accettare per comiodità pensieri preconfezionati,offerti a basso costo,peggio regalati,come i piatti pronti di una cuina universale,per restare in tema alimentare,ci saranno sempre i salvatori del mondo,gli unti del Signore,e ci saranno sempre eserciti di schiavi pronti a plaudire e ringraziare..
    Ciao Mark, dai sempre ottimi spunti di riflessione.

    RispondiElimina
  19. @Viola...La biglia la deve aver tirata la mano sudicia di un'uomo.

    @Ariano...Una lenta agonia protratta nel tempo.

    @Chicchina...Non sanno di esser eserciti e che i loro padroni potrebbero esser dominati.

    RispondiElimina
  20. Stanno messi male anche loro. Non mi consolo di questo, dico solo che ci si dovrebbe dare una scossa. Non possiamo andare a picco tutti.

    Un abbraccio e buon martedì!

    RispondiElimina
  21. Chissà perché non mi stupisce poi molto... c'è troppa gente che non ha di che vivere (e inoltre, come ha detto qualcuno prima, uno spreco pazzesco di cibo)

    RispondiElimina

La critica è ben accetta perchè aiuta questo spazio nella crescita e nella trasformazione