martedì 3 aprile 2012

Conchiglie sulla riva

La scorsa settimana ci siamo fatti una bella passeggiata in riva al mare, temperatura mite, le scarpe calpestavano con rispetto l’arenile, per non farsi notare, qualche turista straniero osava in costume. Lo sciabordio del mare, il sole quanto basta alto, il vento sottofondo musicale, un bel respiro e il sorriso delle persone amate a chiusura di un dipinto da consegnare alle memorie. Nel mentre la raccolta di conchiglie, modellate da un artista dalle varie sfumature, il pensiero si è arrotondato come i loro angoli. Non alloggeranno mai molluschi o simili, mai nutriranno lo stupore dei bambini sulla riva, mai entreranno nelle case a far bella mostra, ma saranno fermi immobili tra le mie mani con il loro luccichio artificiale a destare interesse come un mondo in frantumi, li miro, li ripongo nella tasca della giacca, mi giro verso l’orizzonte un po’ mi commuovo, mi sento vuoto, senza una reale giustificazione, applico quel raggio della ragione che ancor illumina una parte di me, sono anch’io un uomo, non me ne pento, ma non è colpa mia che son tale.     

63 commenti:

  1. Prova a darmi un cinque con quella mano ;)

    RispondiElimina
  2. Per me avrebbero un grande valore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Recicli materiale da risulta? :-)

      Elimina
  3. questo e' quello che lasceremo a chi verra' dopo noi...
    mi duole il cuore nel vedere il tuo "bottino " smussato dal Mare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mare ha reso "dolce" i nostri rifiuti :-/

      Elimina
  4. Trattare il mare come una discarica anche di rifiuti edilizi ormai è quotidianità, ma il mare addolcisce come può anche quei rifiuti dandogli forme più morbide... Ma se non ci fermeremo la sabbia sarà cemento e asfalto ed il mare alla fine morirà in un mondo privo di colori, privo di bellezza. Un abbraccio amico mio...

    RispondiElimina
  5. amo passeggiare sulla battigia e raccogliere conchiglie e sassolini...rischiara la mente..ti svuota da tutto e rasserena...sto ore ed ore lì...credo sia un passatempo rilassante.
    è un po'come un furto...però conservo i reperti in casa mia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se passi da queste parti ti pui costruire una villa con questi reperti ;-)

      Elimina
  6. Mia figlia quando andavamo al mare ne raccoglieva moltissime, poi ritornati le attaccava a dei vasi di fiori sono sempre molto belli i vasi così decorati. Ciao Mark e buon fine settimana Santa.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un peccato pensare che siano rifiuti, ma è una innegabile realta.
      Bun fine settimana a te :-)

      Elimina
  7. Dei 'pezzetti' di mare che si ritrovano poi nel tempo.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pezzetti di noi stessi saprsi nell'infinito.

      Elimina
  8. Da piccolissimi i miei figli erano convinti che fossero conchiglie anche quelle, anzi, le consideravano anche più preziose delle altre perchè con quei colori sembravano proprio "rare" ... una vera fortuna per chi le trovava!! Oggi hanno messo a fuoco meglio: si sentono un po' traditi davanti alla mancanza di rispetto per la natura.
    Buona vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cosa dire, se non condividere questa sensazine di non rispetto.
      Buona vita a te.

      Elimina
  9. Uno specchio dei tempi, non più conchiglie ma oggetti arrivati non si sa da dove, levigati e smussati durante il trasporto... Mi ha evocato l'immagine forse rubata ad un video musicale di anni fa, dei bambini che giocavano con le maschere a gas in uno scenario apocalittico. La mia sensibilità verso l'ambiente e la sua tutela, fa si che mi senta spesso impotente e piccola con la mia umile raccolta differenziata di fronte a una umanità senza rispetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Facendo parte di questa umanità, pur non volendo sono complice...tristemente.

      Elimina
  10. il tempo non e' un prodotto d sintesi :) chissa' quanti anni hai tu...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tempo....fantastico gioco per razionalizzare l'esistenza, spazio per noi esseri umani di creare le illusioni. I miei anni prossimi agli anta ;-)

      Elimina
  11. Che bella cosa hai scritto. Non aggiungo altro ad un 'dipinto' così bello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appendilo alle pareti, io l'ho messo nel mio museo ;-)

      Elimina
  12. Che bella manina che hai????
    bella vero ciao Mark
    e buona e serena PASQUA A TE E LEI ....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vai dalla manicure se è delicata così:) ?

      Elimina
  13. l'interessante sarà "seguire" i percorsi nel tempo di quei "furti":)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Li conservo nella cassaforte, lontano da sortilegi e folletti ;-)

      Elimina
  14. Sinceramente avevo preventivato un commento bello tosto, profondo e concettuale, uno di quelli per mostre quanto sono intelligente e pieno di sfaccettature. Poi, arrivato qui, è stato più forte di me...sarà stata l'aria e il profumo del mare, la luce, il vento ma mi sono messo a cercare cocci lucidati dal tempo e dalle maree anch'io. Come il ragazzino che ero secoli fa. prima di andarmene volevo ricordarti che sono di nuovo sul web e spero di restarci. Ciao Mark

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Preventivare per poi cambiare in corsa...ai ragione il profumo del mare e i cocci fanno cambiare idea. :-)
      A presto allora!!!

      Elimina
  15. Un bellissimo post.

    Un bacione e buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un bellissimo saluto. Grazie :-)

      Elimina
  16. Però, molto meglio i piccoli cocci colorati, che non i contenitori di plastica e di polistirolo che "decorano" la battigia prima delle pulizie d'estate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Semplicemente ho rinuciato a prelevare anche plastica e altro perchè nelle tasche non avevo spazio.

      Elimina
  17. Poeta il nostro Mark...un bacio! Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quel "NOSTRO" mi rende la sensazione di eternità :-D

      Elimina
  18. ermetico quanto basta senza dubbio, ma splendida riflessione... :)
    io da piccola raccoglievo i pezzi di vetro "scolpiti" dall'acqua, ne avevo una collezione incredibile, li adoravo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Raccolta differenziata già da piccolina ;-)

      Elimina
  19. Perché no? Le nuvole sono solo condense di vapore, eppure mi ci perdo a guardarle, con gli occhi fissi per minuti e minuti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le nuvole, non sarebbe male poterle conservare in un barattolo, per poi tramandarle ai posteri e far vedere loro com'era il mondo.

      Elimina
  20. Chissà. Forse uno sguardo sensibile ti è ancora rimasto, così come ti è rimasta la capacità di percepire il bello. Sono tesori anche questi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sguardo sensibile del Lupo...indomabile. :-)

      Elimina
  21. Stai diventando ermetico per i miei gusti, o sono io che non capisco le conchiglie!!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono le conchiglie che preferiscono rimanere immerse nelle profondità lontane dale nostre inettitudini.
      Un caro saluto :-)

      Elimina
  22. Direi che questo post è poesia pura! Me piase assai ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La purezza non è nelle parole dello scrivente, ma nelle facoltà ricettive del lettore. Grazie :-)

      Elimina
  23. Mai perdere la speranza...! Io amo spesso rileggere frasi di Martin Luther King quando le realtà di questo mondo "disumano" tentano di spegnermi la speranza:
    "Dobbiamo accettare la delusione che è limitata, ma non dobbiamo mai perdere l'infinita speranza. Cercate Dio, trovatelo e fate di Lui una forza nella vostra vita. Senza di Lui tutti i nostri sforzi si riducono in cenere e le nostre aurore diventano le più oscure delle notti. Senza di Lui, la vita è un dramma senza senso a cui mancano le scene decisive. Ma con Lui noi possiamo passare dalla fatica della disperazione alla serenità della speranza. Con Lui noi possiamo passare dalla notte della disperazione all'alba della gioia."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lui? La nostra mente, tende sempre ad identificare, o antropomorfizzare sempre tutto. Cio mi limita e mi disorienta. Un semplice rispetto per le nostre e le altrui vite, mi darebbe un gran senso di appagamento, allora si che Dio, o meglio il tutto che lo compone, potrebbe esser identificato senza andar a cercare da nessuna parte.
      Buona vita a te :-)

      Elimina
    2. E' vero mark hai ragione, l'antropomorfismo, in particolare quello filosofico e religioso:(Pampsichismo, Animismo, etc..) disorienta anche me! Ma nell’ambito della rivelazione Cristiana, l'Antropomorfismo è fondamentalmente nel linguaggio e nello stile metaforico al fine di ottenere una maggiore comprensione umana del divino...
      "Il semplice rispetto per la vita" è la linfa, l' essenza del bene che molti uomini hanno smarrito ed è quello che va assolutamente ricercato...
      P.S.
      Grazie mark per questo tuo blog così "ermeticamente" riflessivo, costruttivo, forte, tenace e tra le righe... teneramente poetico!
      Buonissima vita anche a te :-)

      Elimina
    3. Dovremmo uscire un po' da noi stessi per capirci, accompagnarci, guardarci, e gustare ogni piega che si deposita sul nostro corpo.
      P.S.
      Grazie a te e a tutti voi che passate da queste parti. ^_^

      Elimina
  24. Continuo a preferire le conchiglie, ma mi è piaciuta molto una tua risposta a un commento:
    "Pezzetti di noi stessi sparsi nell'infinito."
    Bella e vera.
    Ciao Mark,
    Lara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dono uno di quei pezzetti ^_^

      Elimina
  25. Il mare, la riva, la sabbia mi mancano. Sono rimasto a circa quarant'anni fa
    e, forse, la situazione oggi è diversa, le conchiglie erano conchiglie.
    In alcuni rarissimi luoghi spero sia ancora come allora.

    ps. a Roma non c'è il mare però potrebbe andar bene anche il biondo Tevere.
    Poi di maggio è più bello. Che ne dici?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto è cambiato, tutto cambierà e qualcun altro sarà qui a raccogliere nuovi cocci.

      Elimina
  26. Non c'è come starsene in riva al mare per tornare a capire (nel bene e nel male) chi Siamo, e non cosa abbiamo o cosa facciamo... Vorrei poter stare sempre lì, e nutrirmi di vento.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è posto, la riva è acora deserta e il vento è impetuoso. :-)

      Elimina
  27. Il mare amplifica sempre i miei stati d'animo, per quello lo "evito" quando sono per metà sotto un treno. Ma se ho pace dentro di me questa si amplifica e mi sento nel posto giusto, in armonia con me stessa. un saluto caro mark

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ognuno ha le sue casse di risonanza, virtuali o reali non importa, io la mia cassa me la porto sempre addosso.

      Elimina
  28. Criptico,ma molto bello!
    Buona pasqua,Costantino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In ritardo, ma comunque presente :-)

      Elimina
  29. addio temperature miti, almeno per il momento

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non disperiamo, è solo un arrivederci. :-)

      Elimina

La critica è ben accetta perchè aiuta questo spazio nella crescita e nella trasformazione