lunedì 20 giugno 2011

Esplosioni dimenticate


BUUUMMMMM!!!!!...BAANGHHHH!!!!....Questo è il suono cupo dell’esplosione, immaginatelo come il rumore dei fuochi artificiali alle feste patronali o al capodanno. La deflagrazione assume rilevanza a seconda del luogo predestinato, non suscita sgomento se non echeggia nel silenzio delle nostre vite, nell’indifferenza ci viviamo, nel silenzio piangiamo noi stessi. Queste valutazioni, alla lettura di quest’articolo, ma nel mentre sto leggendo Tre Tazze di Tè (Greg Mortenson / David Oliver Relin) forse un libro un po’ propagandistico, che non vi sto a recensire però vi estrapolo alcune parti (non cercate punti di congiunzione, so che non sono sempre chiaro, sono come il sale sulle ciambelle da l'idea ma non provate ad assaggiare)
"....Cercavo di parlare delle radici del conflitto, della mancanza d'istruzione in Pakistan, dell'ascesa delle madrasse wahhabi e di tutto ciò potesse dare origine al terrorismo"....

"....Il mullah Omar, il supremo leader talebano....aveva solo un'istruzione da madrassa"...

"...forse dovremmo consegnare Bin Laden per salvare l'Afghanistan...disse il mullah Zaaef..."

"...il  mullah Omar ritiene che ci sia ancora tempo di dialogare ed evitare la guerra.."

"...fino a che i missili americani non iniziarono a cancellare le sue residenze private."

"Non avendo stabilito alcun canale formale con Whaschington, il leader talebano,... quell'ottobre avrebbe cercato per due volte...la Casa Bianca...offrendo di sedersi per una jirga con George Bush"

Allora faccio il mio solito respiro e cerco di non farmi condizionare e di comprendere, ma non sono in grado, sono mentalmente pigro lo sono sempre stato, ragiono come nella litografia del 1953 di M.C. Escher "Relatività" e penso a tutti i miliardi di dollari spesi (investiti) per la guerra quando basterebbe dare libertà ai popoli di poter apprendere, valutare, risolvere…mentre mi affaccio sul viale di casa, con qualche lucciola da contorno, guardo in cielo e penso ai Talebani che bruciavano tutti il libri che non fossero stati il Corano, ai missili che ancora piovono sulle regioni del mondo…cerco una spiegazione non la trovo e mi sento ancora l’eco ideologico delle parti schierate, ad Einstein che avrebbe fatto l’idraulico se avesse saputo delle conseguenze alle sue scoperte… sono confuso...però mi girano i coglioni, su questo non ci sono dubbi.

34 commenti:

  1. E qundo girano girano ce sta poco da fa....

    RispondiElimina
  2. Pure a me mi girano le scatole, soprattutto perchè credo fermamente che i fondamentalismi siano strumentalizzati dalle varie politiche economiche...come a dire..."non c'è più religione"!

    RispondiElimina
  3. Dici che non ne usciremo mai?

    RispondiElimina
  4. Caro Mark, la guerra è un investimento troppo importante.
    Non gliene frega un cazzo ai lobbysti americani. Soldi, soldi, soldi, soldi, soldi e soldi.
    Solo quelli sono la cosa importante.
    Secondo te quale sarà il prossimo stato ad essere attaccato?
    Perchè dopo le prossime elezioni tocca ad un altro.
    UN saluto.

    RispondiElimina
  5. Così é stato lungo la storia. E poco nei secoli é cambiato. Ma la speranza di pace e libertà e vera giustizia deve essere l'ultima a morire!

    RispondiElimina
  6. “È un vecchio detto che in tutte le guerre la verità è la prima a morire. In questa la verità non ha fatto neppure in tempo a nascere."
    Tiziano Terzani, "Lettere contro la guerra" (in particolare questa, ma non solo ... anche tutte quelle dopo e un po' prima...).

    RispondiElimina
  7. Combattere la violenza e il terrore con l'istruzione, la speranza -o l'illusione?-di Mortenson,americano.Ma l'America ,quella del grande impegno,scelse l'illusione della democrazia,distribuita con pacchidono,bombegiocattolo,tutto calato dal cielo,solcato da aerei.
    Non sappiamo quale era l'istruzione delle Madrasse,immaginiamo solamente.E su tutto, quel fragore che ci distrae un momento,ma e' sempre presente,senza tempo,senza luogo.
    Le tue considerazioni mi colpiscono sempre.

    RispondiElimina
  8. Ho letto l'articolo e sono stato male, non perchè fossi sorpreso, semplicemente perchè ogni volta che a un bimbo gli si fa fare qualcosa che non ha niente a che fare con la sua crescita e con la vita, cado nello sconforto più nero..Per quello che rigurda il discorso sulla guerra, concordo con Astronauta... la guerra ha una lingua doppia proprio come un serpente: il denaro e la religione.... mark, parti da un argomento e dai spunti per tantissimi altri, tutti di grande rilevanza che però, nella loro essenza, portano ad una conclusione uguale per tutti.In questo caso ti dico: fino a quando esisterà il denaro e la religione, esisteranno le ragioni per trasformare l'odio in guerra,
    ..ed anche i bambini in adulti..che equivale a togliere loro la vita anche quando non lo si fa realmente...Bel post...

    RispondiElimina
  9. E a chi non girerebbero?
    Forse a due categorie: capi di stato e fabbricanti di armi comprese quelle per la caccia.

    RispondiElimina
  10. Ho le mani tese
    sono un bambino
    cosa mi regali?
    Il mio futuro?
    ti faccio un sorriso
    mi dai una caramella
    sono un bambino
    sono povero
    sono un oggetto
    e nulla più
    P2

    RispondiElimina
  11. La cosa veramente triste, secondo me, è che l'intervento occidentale è stato dettato dal rischio terrorismo. Se i talebani si fossero scannati fra loro e non ci fosse mai stato l'attentato alle torri gemelle, probabilmente questa zona di mondo non comparirebbe mai nei notiziari internazionali, e pazienza se un gruppo di analfabeti fanatici religiosi hanno imposto la sharia e fanno vivere la gente nel terrore.

    RispondiElimina
  12. Girano, girano, finché non esplodono pure loro... Chi salverà mai i bambini dal diventare uomini??!!

    RispondiElimina
  13. Io ho smesso di cercare una spiegazione ma non di desiderare che una valanga raduni in un punto ben preciso tutti i potenti che sostengono la guerriglia e la guerra santa. Poi, un meteorite in stile tachipirina, farà il resto!

    RispondiElimina
  14. Ormai la guerra non è più per qualcosa che è successo; ormai siamo alla guerra preventiva, all'intimidazione, alla soppressione della libertà di pensiero. Perché Bin Laden l'hanno ammazzato (se è vero! è possibile che non abbiamo mostrato a tutto il mondo il trofeo della sua testa in pompa magna?) ma i suoi soldi li hanno gestiti fino a qualche mese fa!
    Temistocle

    RispondiElimina
  15. "...quando basterebbe dare libertà ai popoli di poter apprendere, valutare, risolvere…"

    Ma va? E come pensi di dargliela questa libertà?

    RispondiElimina
  16. La guerra è la peggiore invenzione del genere umano;speriamo che la pace non rimane un utopia.Saluti a presto

    RispondiElimina
  17. Non dobbiamo mica per forza avere sempre tutto il quadro chiaro (a proposito, sempre amato quelli di Escher!): a volte basta, ad esempio, come nel tuo caso, rendersi conto di voler cambiare le cose. No?

    RispondiElimina
  18. guerra uguale soldi
    mai uguale popoli

    RispondiElimina
  19. "a volte basta, ad esempio, come nel tuo caso, rendersi conto di voler cambiare le cose. No?"

    Si, se hai 16 anni.

    RispondiElimina
  20. @Max...Hai ragione amico mio, frullano alla grande per tanti motivi!!!

    @Taglia46...Sono dell'idea che nulla nasce dal caso, ogni puzzle trova la sua collocazione anche beceri estremismi.

    @Sara...Esatto penso proprio così, non per pessimismo, ma è nella ciclicità delle cose non vi è crescita infinita, ma continui sali scendi. La prossima sarà una lunga discesa (o siam già in caduta).

    @Astronauta...L'Europa, non nelle modalità classiche, diciamo pure con appoggi interni.

    @Adriano...La speranza c'è altrimenti non avrebbe senso scrivere.

    @Alligatore...Riprenderanno/mo (è scritto nel trattato di lisbona) le armi per sopire le idee, libri e passato spariranno, l'uomo sarà felice di crescere in gabbia...
    Spero che non sia venuto fin qua in bici ;-)

    @Chicchina...Madrasse come alveari per produrre il nettare della discordia, operai del destino dediti alla guerra perchè non vi è alternativa

    RispondiElimina
  21. @Mr.H...Concordo, però non capisco il perchè dare colpe a cose immateriali come soldi e religione, e non alle menti malsane di molti uomini. Forse è per questo che continuano a girarmi, perchè è sempre e solo l'uomo l'artefice...
    Grazie al post!!!

    @Il monticiano...Se si trova il modo per attingere energia, non sarebbe neanche un male ;-)

    @P2...Metti i brividi!!!

    @Ariano...Credo che in un modo o in un altro lo scopo era solo controllare il petrolio e per questo hanno creato Osama poi tutto il resto si è creato di riflesso e ha dato adito all'intervento.

    @Zio...Questa è una delle questione che mi arrovella e che spesso mi fa parlare di bambini...ad oggi è un atto egoistico procreare? (post da fare)

    @Bismama...Un meteorite...mmmmm...sono sicuro che prevedendo l'impatto si troveranno al sicuro nascosti da qualche parte, mentre tutti gli altri...spariti!!! Benvenuta da queste parti :-)

    @Temistocle...Non è mai ciò che appare, ogni evento non è casuale e tutto ha un senso. Siamo abituati a considerare tutto a compartimenti stagni, questo è un grosso limite. Urgono correttivi per noi stessi.

    @Lorenzo...Questa volta la risposta è nel libro, e sintitizzare 500 pagine in poche righe è prova ardua. Non è un romanzo, ma la vita di un uomo spesa per i propri ideali...non quelli preconfezionati.

    @Cavaliere...La peggiore invenzione dell'essere umano è voler diventare un DIO...le guerre sono solo dei mezzi.

    @Adriana...Non sono sicuro di volerle cambiare, sono sicuro di quel che penso, delle mie confusioni e di quant'altro...forse se la cosa si allargasse non sarebbe una cattiva idea.

    @Ernest...Anche il PIL sorride e ringrazia, e tutti coloro che spiegano ancora con la curva della domanda e dell'offerta dovrebbero capire che anche quelle sono nozione teoriche date in pasto come fossero verità.

    @Lorenzo...Capisco in alcuni casi la crudezza realistica dei tuoi commenti, apprezzo molto perchè non si discostano dalla realtà, ma "qui" non c'è realta. Io potrei esser chiunque, o nessuno, il frutto di tante menti o un visionario, un uomo una donna isomma solo un quantitativo di lettere messe insieme da pensieri, questo per dire che coltivare qualche sogno o speranza non è poi così male anche se non si ha più 16 anni.
    Metti la chiocciola altrimenti potrebbero non seguire il riferimento. :-)

    RispondiElimina
  22. @Mark
    "questo per dire che coltivare qualche sogno o speranza non è poi così male anche se non si ha più 16 anni."
    Non sono per niente d'accordo. Oppure, diciamo che dipende dalla definizione di "sogno". Se per te significa "progetto" allora occorre che abbia sostanza reale. Se invece significa "metafisica", c'è il famoso detto che se hai una certa propensione a 20 anni è normale, se ce l'hai a 40 sei scemo.

    RispondiElimina
  23. E voglio dire, il concetto della "età dell'oro" o della "perdita dell'innocenza" è vecchio come il mondo. Altro non è che la versione poetica di quello che ho scritto sopra circa la licenza di essere scemi a 20 che ti viene revocata a 40.

    RispondiElimina
  24. ...leggendo il tuo post mi viene in mente e voglio dirtelo quello che mi succede da un po di tempo...mi capita di camminare per strada guardando tutto quello che mi circonda, con un certo distacco e cercando per ogni cosa una spiegazione, mi capita di camminare pensando a come sta cambiando il mondo, a come non posso fare nulla per impedirlo, a tutte le persone che per colpa di guerre o altro soffrono, a tutto questo egoismo, falsità che ci circonda e mi chiedo il perchè, il perchè mi sento un pesce fuor d'acqua qui, mi sento diversa, non adeguata...è una sensazione strana, non so se mi sono spiegata, io purtroppo non sono una grande scrittrice...sarò in piena crisi esistenziale...

    ci fossero più persone come te Mark forse il mondo andrebbe meglio...

    ti auguro sempre un dolce buongiorno ...

    RispondiElimina
  25. finché la guerra resterà un investimento, una presa di potere e finché ci saranno persone senza cuore a mandare giovani in guerra al posto loro le guerre non cesseranno di esistere...
    che tristezza!!!

    RispondiElimina
  26. @Lorenzo...Il sogno per me non ha definizione, e forse neanche una collocazione. Prima di risponderti vado a cercare i tuoi riferimenti, quindi ora potrei quasi esser concorde con le tue spiegazioni.

    @Angeloblu...Forse mi sento anch'io così un po' fuoriluogo. Troppo buona, ma non credo che ci sarebbero tante differenze.

    @Pupottina...Denaro e potere un connnubio imprescidibile di questo essere umano.

    RispondiElimina
  27. Di confusione ne ho tanta (troppa) anche io in testa. E forse è un "male" comune, indotto dalla società. Confusi piaciamo. Ma che ci girano abbondantemente mi consola, vuol dire che una coscienza muove ancora il cervello e l'anima.

    RispondiElimina
  28. ..mark, avevo una cosa da aggiungere...Ciao!

    http://cassetticonfusi.blogspot.com/2011/06/ai-bambini-lasciate-fare-i-collage.html

    RispondiElimina
  29. quando penso alla paura che provano i bambini nelle zone di guerra provo un grandissimo disgusto per coloro che creano le condizioni ideali di certe "crisi". Io nel mio piccolo posso fare pochissimo. Ho adottato un bambino a distanza, sperando di dargli una chance nella vita, grazie all'istruzione. Lo so che è una goccia nel mare. Ma è un inizio.

    RispondiElimina
  30. Ho letto il libro "L'Afgano" di Frederick Forsyth e scrive pagine interessanti sul Mullah Omar e Bin Laden, che gettano una luce diversa sui fatti.

    Ricordo cmq che i fatti dell'11 settembre sono esplosi quando i talebani stavano compiendo un'opera assolutamente tabù: stavano distruggendo le colossali piantagioni di oppio reputandole contrarie alla volontà del loro dio. Un'opera di distruzione mai vista, fuori da qualunque di quegli interessantissimi programmi che fanno all'ONU mentre sniffano coca e vanno a troie. Stavano distruggendo e basta. Per fortuna, adesso, il traffico di droga è ripreso alla grande, dopo aver dato una lezione a quei villani.

    Beh, c'era il problema delle donne laggiù, adesso non c'è più. E' rimasto solo negli alberghi di lusso dove il capo francese del fondo monetario internazionale violenta le cameriere, ma lui mica è talebano!!!

    RispondiElimina
  31. HAI SEMPLICEMENTE RAGIONE ...
    SONO DONNA E GIRANO A ME !!!!

    RispondiElimina
  32. @Mark:
    "Il sogno per me non ha definizione"
    Direi che e' abbastanza impossibile altrimenti non potremmo comunicare. La conunicazione si regge sulle convenzioni, quindi possiamo dare per scontata la definizione di "sogno", eppure esiste.

    "Prima di risponderti vado a cercare i tuoi riferimenti, quindi ora potrei quasi esser concorde con le tue spiegazioni."
    Dal mio punto di vista non devi essere d'accordo, devi esporre una tesi qualsiasi. In questo caso si parlava dell'Afghanistan e in subordine di Corano e "libertà".

    RispondiElimina
  33. La spiegazione per le guerre in corso, semplicemente, non c'è

    Danilo
    (Uno di quei pacifisti fuori moda che ancora parlano)

    RispondiElimina
  34. @Tutti fuggo nuovamente, tornerò presto per rispondere a tutti voi e tornare a visitare i vostri blog :-)

    RispondiElimina

La critica è ben accetta perchè aiuta questo spazio nella crescita e nella trasformazione