mercoledì 15 giugno 2011

Distributore...fai da te

Quel che a volte penso non lo esterno in maniera esplicita, perché improperi e bestemmie imbratterebbero le pagine della mia vita in maniera inequivocabile, quindi o mi ritiro a vita ascetica o son dolori. La potenza è nulla senza il controllo, qualcuno diceva in giro, certo non sono Ercole altrimenti dovrei aspettarmi le dodici fatiche, e Zeus potrebbe farmi fare dei test di ammissione, però da quel che osservo nella quotidianità e da quel che leggo girovagando in rete sono un tantinello sconfortato. Sono un po' stufo delle litanie su Berlusconi, in molti altri stati non c'è lui e le cose stanno andando a rotoli lo stesso, quindi un po' di riflessione la farei. Siamo un paese vecchio, che ha come volano economico le mafie, che fatturano oltre 200 miliardi di euro l'anno, ci stiamo dimenticado delle nostre bellezze e la terra produce puntando sulla produttività, i media sembrano la saga Beautiful e io qui su questo Blog scrivo per sfogare, ma a che pro???? Vorrei esser come un distributore di bevande, con le brochure esplicative che facciano chiarezza su me stesso, da un galante..."non rompete i coglioni" ad un più pacato..."non è come sembra", passando da un..."sono felice" ad un "aprite quelle teste a tutti gli input senza precludere nulla"...non c'è bisogno di inserire una moneta o dare calci per ottenere qualcosa...anche se molte volte si ottengono i migliori risultati...oggi mi sono ispirato ad una massima di alto bordo....
Tesi: il culo è lo specchio dell'anima; antitesi: ognuno è il culo che ha; sintesi: mostrami il culo e ti dirò chi sei.

Tinto Brass
Quando culo e faccia coincidono sono dolori!!!

P.S. Cliccate  sopra l'immagine -_-

40 commenti:

  1. http://sabrinaancarola.blogspot.com/2011/03/bottega.html sai io sono vintage e per la tradizione

    RispondiElimina
  2. Sì, ma non ho capito..cosa intendi per culo? Hahahah!
    La gif del distrubutore..ANGOSCIANTEEE!

    RispondiElimina
  3. Dipende anche se il culo è precario??? Chiederò un parere anche a brunetta....

    RispondiElimina
  4. La differenza tra Italia e altre Nazioni è la fragilità. Sotto la retorica dei fasci littori (comici i fasci littori di sinistra in chiave anti-leghista) c'è ancora l'Italia dei campanili, meglio un morto in casa che un Pisano all'uscio, eccetera. E l'Italia dei campanili è la parte migliore, più a sud c'è lo Stato della Chiesa e più a sud ancora la società tribale incentrata sui clan.

    Ovvio che quando le cose si mettono male inizia il "ognuno per se, dio per tutti". E' inevitabile dato che è quello che abbiamo fatto negli ultimi 2000 anni a fronte di pestilenze, invasioni e carestie.

    Il discorso del precariato: logica conseguenza della globalizzazione. Il punto è che ce l'hanno venduta come buona e comunque inevitabile quando invece ha lo scopo di massimizzare i profitti.

    RispondiElimina
  5. Mi viene in mente quella storiella dei fratelli siamesi... dove uno si preoccupa del fratello divenuto gay...
    ( A proposito di culo)

    Ero di passaggio.

    Un saluto.

    Maria Cristina

    RispondiElimina
  6. La gif è "fantasticamente esplicativa" ..per ciò che interessa me, per ciò di cui mi occupo nello specifico, certi modi di agire e pensare, non hanno un'unica patria, quello che sta qui, sta tale e quale in tanti altri posti, solo viene affrontato "diversamente", certe volte meglio, certe volte peggio.

    RispondiElimina
  7. Quando Tinto Brass parla di tesi, antitesi e sintesi non dovrebbero esserci dubbi.
    Chissà che ne pensa Pippa - bel nome - la sorella della novella sposa Kate.

    RispondiElimina
  8. Tutti a casa. Voglio al governo una persona di 40 anni!!!!

    ps...Ti manderò la foto del mio culo allora...

    RispondiElimina
  9. Dite quello che volete ma se esistesse un distributore di donne androidi io una me la comprerei. Molto più utile di un IPad.

    RispondiElimina
  10. La parola "Umami" ha varie significate.
    1. sapore
    2. fascino, bellezza o abilita'
    3. profitto
    ecc...

    RispondiElimina
  11. "Sono un po' stufo delle litanie su Berlusconi, in molti altri stati non c'è lui e le cose stanno andando a rotoli lo stesso, quindi un po' di riflessione la farei."
    Un discorso serio finalmente!
    Come avrai capito odio la politica con tutta me stessa ed evito con cura i discorsi in merito.. ma quando qualcuno dice una cosa così il mio plauso sorge spontaneo!

    Il mio deretano è grosso da far provincia.. che vorrà di'?
    Ciao e buon proseguimento!
    :-))

    RispondiElimina
  12. Ciao Mark, deve essere un virus che ci sta prendendo.... Però on molliamo. Abbiamo il diritto di vivere una vita splendida, di avere una Natura incontaminata e di non credere più alle stronzate che raccontano e sono veramente tante!
    Buona giornata di sole e di speranza che si realizza

    RispondiElimina
  13. L'immagine che esce è veramente il sogno di ogni uomo?
    Se così fosse meglio l'eremo.... Ciao

    RispondiElimina
  14. ahahahah
    sono sconvolta
    pensavo fosse solo una foto, mentre era un video...eheheheh
    terribile come distributore!
    però, non escludo che in futuro non venga creato davvero, essendoci donne disposte anche a fare da possibile scelta...
    certo che quelle sembrano tutte uguali...
    io farei altrettanto per un distributore di uomini ... sto già scegliendo fra le tre opzioni che ci metterei per poter esaudire i miei sogni ;-)

    p.s. hai ragione quando dici che siamo un paese vecchio... e non solo... siamo più brontoloni che gente pronta a darsi da fare... anche se è pur vero che di solito a chi si muove, vengono mozzate le gambe O_O
    un distributore che rimediasse a molte cose farebbe al caso nostro

    RispondiElimina
  15. Dai, che qualcuno dovrebbe ormai essere al capolinea!

    RispondiElimina
  16. più che di berlusconi e della figa io se fossi tremonti mi preoccuperei di trovare una 40na di miliardi entro il 2014 per non fare la fine della gracia...

    RispondiElimina
  17. @Sabrina...Un Vintage di altri tempi, ma un po' di novità ogni tanto non guasta!!!

    @Grace...Probabilmente c'è anche quella maschile, ma non sono riuscito a trovarla ;-)

    @Max...Non capisco perchè tu faccia questi riferimenti politici, ti devo redarguire, la prossima volta che scendi ti sculaccio per benino :-)

    @Lorenzo...Amo la sintesi...quindi una colossale presa per il culo, per rimanere in tema ;-)

    @ladywriter65...Benvenuta. La storiella non la conosco, però che botta di culo a passare di qua...;-)

    @Serbilla...Immaginavo che avrebbe che ti avrebbe colpito la gif, però il post ha una visione diversa nel suo complesso. A volte, spesso diciamo, sono troppo criptico.

    @Monticiano...Volevo terminare il post con un..."buona pace per Pippa", ma poi mi si sviliva tutto il concetto :-D

    @Violet...Allora fra un po' mi posso candidare, nel mentre aspetto la foto :-)

    @Titti...Grazie. Questa parola da queste parti per qualcuno sta ad classificare un tipo di birra.

    @Sara...Ogni discorso ha la sua serietà, sono i protagonisti esplicativi che sono privi di sostanza.
    Per la classificazione dei deretani, non ho ancora il catalogo delle similitudini :-)

    @I am...Quando si estremizza o si tende a convogliare il tutto in un unica direzione non è mai buono, e per questo che invito alla riflessione.
    Nell'immaginario maschile potrebbe esser un'opzione, ora non penso che per molti non sia nella pratica molto diverso.

    @Pupottina...La gif del distributore vi ha molto colpito, nel tuo caso con la variante maschile dei sogni...un paese non solo vecchio anagraficamente, ma anche mentalmente.

    @Adriano...I capolinea sono preoccupanti perchè in molti casi sono le ripartenze delle nuove corse.

    RispondiElimina
  18. @Nonno enio...Non voglio esser pessimista, ma la questione economica vista ancora con il ripianamento e il risovvenzionamento è solo un abile escamotage per mantenere le redini ed imporre le nuove soluzioni. Fino a quando l'uomo non verra posizionato al centro del piano evolutivo, solo in pochi vivranno, altri se la godranno, altri sopravviverenno, e la maggioranza sarà un mero schiavo del sistema.

    RispondiElimina
  19. Comunque, c'è solo un modo per non fare la fine della Grecia e cioè spendere meno soldi.
    Per spendere meno soldi lo Stato deve sostanzialmente pagare meno stipendi, il che ovviamente include i faraonici emolumenti dei parlamentari e dei "manager di stato" ma anche quelli di milioni di insegnanti, bidelli, medici, infermieri, carabinieri, poliziotti, eccetera.

    A quel punto scatta un altro problema: che lavoro facciamo fare agli Italiani.

    RispondiElimina
  20. Porc... ma dove sono questi meravigliosi prodotti di consumo? Finalmente andrei in giro con le tasche piene di monetine!!!! ....Voglio comprare un distributore solo per me...!

    RispondiElimina
  21. @Lorenzo...Non sono d'accordo su questa eseplificazione, perchè enti inutili e costosissimi non annoverati tra i pubblici ma di fatto tali sono o sperperi faraonici tipo Salerno reggi Calabria o Passante di Mestre hanno inciso profondamente nell'economia nazionale (devo fare un post altrimenti sembro un semplicista)...e poi non scordiamoci che il nostro paese non è più un paese produttore, ma consumatore, e in quanto tale per portare avanti la baracca lo Stato è di fatto diventato l'unico elemento trainante, in barba alla liberalizzazione, e poi tutto si muove con finanziamenti europei o assimilabili i prestiti bancari sono solo illusivi e destinati solo a certi ambiti...quindi non ci prendiamo in giro, l'agricoltura si piega alle logiche del potere e non vi è equilibrio tra chi produce veramente ed intermediari che lucrano a dismisura...comunque lunga e complessa un'analisi d'insieme.

    RispondiElimina
  22. Questi stati d'animo possono capitare a tutti, se ti consola... quando mi capita tendo a rifugiarmi nella mia torre d'avorio, un po' vigliaccamente. Ma a volte è una vera necessità.

    RispondiElimina
  23. @MrH...Non saprei, ma come già ho scritto la differenza tra realtà e finzione è minima..

    @anella...La gif con il succo del post ha ben poco a che fare se non un riferimento con la storia del distributore. Continuo a preoccuparmi di me stesso perchè non riesco ad arrivare come vorrei, perchè sintesi e comprensione non vanno d'accordo come vorrei. Come si suol dire per bucare lo schermo (il PC) ci vuole talento e io non lo EBBI...
    No non lo vorrei, ma di fatto già esiste in ogni angolo, perchè sesso potere e denaro sono la sintesi del nostro sistema, quindi non mi scandalizzerei se si arrivasse ad una mercificazione così evedente, anche se a molti piace nascondere la testa sotto la sabbia.

    RispondiElimina
  24. Comunque per rilanciare l'Italia,ci vuole un governo diverso.In questa settimana ,ho sentito discorsi fatti da alcuni esponenti di una gravità incredile contro il precariato e il web.Saluti a presto

    RispondiElimina
  25. Se tu vai a vedere i bilanci di una azienda, la voce più pesante di passivo sono gli stipendi. Non è diverso per lo Stato che paga lo stipendio a oltre TRE MILIONI di persone.

    Poi ci sono anche gli sperperi faraonici, chi lo nega. Ma mentre per gli sperperi si può fare qualcosa, molto più difficile ridurre la spesa per i servizi, che si traduce in stipendi.

    RispondiElimina
  26. Rilanciare l'Italia è impresa molto al dilà delle possibilità di qualsiasi governo, quindi mettiamoci l'anima in pace.

    Il fatto è che le pensioni dei vecchi di oggi quando sarò vecchio io saranno un sogno lontano, cosi come l'assistenza sanitaria e tante altre belle cose.

    RispondiElimina
  27. @Cavaliere...Non so se sia solo una questione politica, anzi sono più che perplesso in questo senso. Opterei per un più equo ristabilire le priorita dell'essere umano.

    @Lorenzo...Ma siamo sinceri, a nessuna azienda conviene stare in attivo e si utilizzano tutti i sistemi elusivi ed evasivi per non pagare le tasse (sproporzionate) e far ricadere la colpa sugli stipendi dei lavoratori, poi le stesse aziende esportano in blocco la produzione dove il lavoratore è un vero e proprio schiavo alla mercè dell'azienda (meglio definire schiavista) che però viene incentivata a far questo perchè il consumismo sfrenato è nostro padrone, come un cane che si morde la coda. Ripeto dare la colpa a quello o questo non ha senso, l'uomo e il suo sistema sono il solo problema, o si azzera o ci sarà il disastro, inevitabile direi.

    RispondiElimina
  28. Carissimo gli altri ti hanno detto già tutto: a me dispiace un po'per le ragazze del distributore, non è una grande performance artistica. Magari ti fai anni di scuola e di prove e poi ti passa avanti una..che ha più culo! Appunto!

    RispondiElimina
  29. Io non vedo un disastro in assoluto, vedo che la ricchezza si sposta da un posto ad un altro. In questo momento conviene investire nei "paesi emergenti" e non investire in Italia.

    La situazione italiana ha un numero di sfighe consistente che non approfondiamo ma una cosa deve essere chiara: lo "Stato imprenditore" è una azienda con tre milioni di dipendenti ultra sindacalizzati in una Nazione dove il 90% delle aziende hanno meno di 10 dipendenti con sindacalizzazione minima o inesistente.

    Inoltre lo "Stato imprenditore" lavora con la logica di spendere il più possibile dato che la spesa si traduce in voti e "amicizie" ai vari livelli.

    Il problema contingente che abbiamo in questa fase è che la "asincronia" tra la "macro azienda Stato" e le "micro aziende" fa si che la prima non può più essere sostenuta con le entrate fiscali provenienti dalle seconde.

    Riguardo il discorso dell'Uomo, qui si va nei massimi sistemi che in concreto significa stare immobili. A meno che tu non ti aspetti che l'Uomo Nuovo nasca in Italia. :)

    RispondiElimina
  30. ...invece sarebbe davvero interessante sentire il Mark senza controllo! riguardo alla politica, devo proprio dirti che in questo periodo non ne posso davvero più, si sente solo parlare di Berlusconi e delle sue vicende, mi sono allontanata da tutto ciò, distaccata, insomma presa una pausa...chiedo venia per la mia piccolissima assenza!

    volevo darti il buongiorno...

    p.s.avere la faccia come il mio fondoschiena sarebbe bello dato che è il mio punto forte!!!

    RispondiElimina
  31. Penso che sarebbe più azzeccato dire ,in certi casi, "che l'anima è lo specchio del culo".
    Non cacciartela troppo Mark,l'importante è avere delle idee brillanti, come te.
    Grande filmato.
    Cristiana

    RispondiElimina
  32. Buon giorno a tutti!
    Una soluzione ci sarebbe... fate tutti come me ... licenziatevi e uscite da questo sistema del c..o.
    Facile a dirsi difficile a farsi... difficile ma non impossibile.
    NON IMPOSSIBILE MA POSSIBILE.
    Fino a che si accettano modelli preconfezionati, come gli unici percorribili, ci si limita.
    L'Italia fa parte di un contesto molto più allargato, leggetevi l'ultimo post di Eugenio Benetazzo. L'Italia, tra tutti gli stati del mondo è l'unica nazione che non può fallire, ma possono farci credere quello che vogliono.
    Un saluto dal mio giardino, adesso lo posso scrivere anche io! Un caffè poi se mi va un libro poi una passeggiata... Dio che sensazione unica!
    Live simply take it easy
    Alberto

    RispondiElimina
  33. L'italia, è la somma dei culi di tutti gli italiani.
    Il risultato, è un frullato agrodolce.
    Bene e male convivono, proprio come in ogni essere umano.
    Un saluto caro Mark, a presto.

    RispondiElimina
  34. Commento intelligente come sempre. Boia chi molla stava scritto sui muri del Carso

    RispondiElimina
  35. Il fatto è che spesso dobbiamo confrontarci anche se l'unica cosa che vorremmo fare è migrare su di un eremo di un anacoreta turco... Io tendo a cacciare tutto, inutile dirti che i risultati, a volte, lasciano molto a desiderare.
    p.s. Ho un paio d'amici che, se vedessero la gif, brevetterebbero la cosa ;)

    RispondiElimina
  36. @Ariano...Il tuo commento si è trovato tra due mie risposte, non ti ho saltato volutamente. Magari scapperei anch'io in quella torre ma anche se dosse in pietra non mi dispicerebbe...;-)

    @Sara...Questione di culo, ma anche di doti nascoste perchè quello stesso culo che occupa la facccia a volte apre le porte del mondo...abbiamo tanti esempi.

    @Lorenzo...Per darti una risposta dovrei argomentare il tutto con dati e citazioni però gli USA sono il tipico stato imprenditore che da secoli investe nelle guerre e sviluppa il suo privato in scia...(ripeto ci vuole un post un po' di pazienza :-P)

    @Angeloblu...Perchè vuoi che rada il mondo a zero, la potenza è nulla senza il controllo...:-)
    P.S.
    Quindi mi dici che il lato migliore è sempre il lato B...;-)

    @Cristiana...Idee brillanti che rischiano di accecarmi con il loro bagliore...non vorrei perdere la direzione ;-)

    @A.G... Benvenuto. Scelta tosta quando cambia radicalmente la propria esistenza, e per certi versi condivisibile, ma a me rode particolarmente abbandonare il mio stato perchè prefigura una sconfitta e ti posso assicurare che non è nel mio modo di vedere le cose. Però devo ammetterlo ci penso spesso, solo che sono un uomo, mentre io preferirei esser animale.

    @Asronauta...Se riesci a farci un frullato sei proprio un mago di un'altro pianeta ;-)@Mara

    @Soffio...Se ti riferisci al post lo definirei a personam...;-)

    @Maraptica...Cacciare tutto è un'ipotesi, ma cancellare sarebbe meglio. Per il brevetto dei rivolgerti ai giapponesi sono loro gli artefici ;-)

    RispondiElimina
  37. Mi pare proprio che anche a te questo vecchiume provochi un bel po' di insofferenza. E' difficile, però, venirne fuori :-(
    P.S. Brass è un grande!

    RispondiElimina
  38. Io non voglio al governo persone di 40 anni. Ma dai 30 in su. Voglio che quei vecchiardi se ne vadano.

    RispondiElimina
  39. "USA sono il tipico stato imprenditore che da secoli investe nelle guerre e sviluppa il suo privato in scia.."

    E cosa c'entra con l'Italia? Io ho solo enunciato un fatto e cioè che non riusciamo a sostenere la spesa pubblica con le entrate. E' un fatto dimostrato dall'aumento progressivo del debito pubblico.

    Ad un certo punto si diventa "insolventi" e quindi nessuno vuole più comprare i tuoi Titoli di Stato. Segue bancarotta.

    RispondiElimina

La critica è ben accetta perchè aiuta questo spazio nella crescita e nella trasformazione