sabato 18 febbraio 2012

Accostamenti macabri e fotografici

Era tempo che volevo raccontarvi l’esperienza vissuta assaporando queste due mostre: Body Worlds e Steve McCurry 
Siamo agli antipodi, la prima ha il retrogusto del macabro, in definitiva ci troviamo in un "cimitero" di corpi conservati con questa particolare tecnica di "plastinazione", dove sedicenti signori/e hanno donato il loro corpo per consegnarlo definitivamente alla contemplazione "dell'artista" e dei suoi visitatori. Ora al di là delle considerazioni personali, lo scopo dovrebbe essere una divulgazione scientifica e una rappresentazione visiva sulle conseguenze di vizi ed atteggiamenti che l'uomo assume nel corso della vita, spiegarlo non è semplice leggete il sito ed estrapolate, vederlo e in alcuni casi toccare con mano fa un'altro effetto. Per la seconda mostra, avevo preconcetti sbagliati, perché l'impatto è stato di notevole spessore e trasporto, una mostra fotografica che si distribuisce in un contesto scenografico ed emozionale da non trascurare. Un passaggio di luoghi, similitudini, personaggi e accostamenti da panico fanno il resto. Ok, mi sono immedesimato in un critico post-cazzuto con abbigliamento trendy e barba incolta per infondere un alone di cazzutaggine da capogiro, non ci fate caso, e se siete in zona Roma gustatevi queste mostre con lo spirito giusto. Quale spirito? Ma il vostro ovviamente. Un abbraccio da uno dei miei lati quantici.

57 commenti:

  1. Impressionanti, in particolare la seconda, della quale avevo già letto in un blog di una cara amica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensavo fossi freddo come un lucertolone invecie ti impressioni ;-)

      Elimina
  2. Meglio di no, sono facilmente impressionabile.

    Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma solo la prima, la seconda è meravigliosa.

      Elimina
  3. Molto ma molto meglio la mostra fotografica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ognuna ha il suo pregio, ma sicuramente meglio la seconda.

      Elimina
  4. body worlds l'avevo visto in tv e mi aveva impressionato/affascinato....dal vivo non so!
    McCurry sicuramente interessante...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora la recensione non è male ;-)

      Elimina
  5. Credo che anche io preferisco la mostra fotografica caro Mark.
    Buona domenica caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  6. Passando per Roma,la mostra fotografica sicuramente.
    Buona domenica Mark.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Passando passando, biona domenica a te :-)

      Elimina
  7. Ma come sono interessanti! vorrei vederle ....devono essere davvero molto belle !

    ave

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La bellezza è soggettiva, posso garantirti che a loro modo sanno trasmettere. :-)

      Elimina
  8. Ah, nel titolo "macrabi" forse dovrebbe essere "macabri".

    RispondiElimina
  9. La prima mostra mi sembra allucinante e orribile, non ci vedo niente di scientifico, anzi... Invece conoscevo già quella fotografica, la trovo interessante e anche istruttiva.
    Buona domenica!! A presto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In ogni caso non ti annoieresti. :-)

      Elimina
  10. Sono di Roma ma le mostre fotografiche non sono le mie preferite, preferisco guardare con i miei occhi.

    La mostra dei corpi la trovo degna di un vivisettore, Boh!

    Ciao e buona domenica Mark

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pur condividendo il principio, ho dovuto constatare che per stimolarmi devo alternare la staticita di pensiero con l'opposto. sarà grave? :-)

      Elimina
  11. Roma non è poi così lontana... e sembra ne valga la pena. Il trasporto permette di assaporare l'arte in tutte le sue forme. Un caro saluto mark

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono un po' fuori mano, ci passo per andare dai miei e allora approfitto.

      Elimina
  12. In uno dei uno dei primi post esprimevo tutto il mio disgusto, per l'oggetto della prima mostra (se ti ricordi, hai lasciato anche un commento):

    http://buioeleintenzioni.blogspot.com/search/label/Ditemi%20che%20%C3%A8%20solo%20un%20incubo

    penso a queste due mostre, come alla morte e la vita a servizio dell'arte, certe volte guardando bene non c'è ,l'arte..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono andato a leggerlo non lo ricordavo. Però posso riportare che vi erano numerosi bambini, che guardavano affascinati e senza remore, ne sono rimasto molto colpito perchè erano consapevoli. Tra le varie battute che facevano mi è rimasta impressa quella di una bambina che domandava alla nonna..."Nonna quando torniamo a casa ricordami di dire alla mamma che deve smettere di fumare"...questo dopo aver visto il polmoni di un uomo sano e quelli di uno ammalato di cancro.

      Elimina
    2. Voglio dire, ci sono anche le radiografie..
      Non riesco ad accettare che un cadavere ridotto a grosso modello di plastica, poi ridotto a fogli, o strisce, a trance come i merluzzi sia un oggetto d'arte..Se l'intervento 'artistico' è quello di aggiungere un cappellino, una pipa, un neonato di gomma dentro la pancia del cadavere di una gestante,l'azione dell'artista è alquanto limitata, il resto è processo chimico.
      Conservo il mio parere assolutamente negativo e non mi sento affatto un retrogrado...L'idea di tornare merda mi piace di piu' di quella di tornare plastica, materia meno nobile..

      Elimina
    3. Forse sono stato frainteso, perchè concordo pienamente. Mi limitavo a constatare le impressioni personali ed altrui, il fatto che vi siano 12000 persone che hanno consegnato la loro postmortem mi destabilizza molto di più.
      P.S.
      Ma la storia della merda? Pensavo di tornare cenere....;-)

      Elimina
    4. Caro Mark, conosco bene la tua opinione..io non ho frainteso (basta leggere l'inizio del tuo post..)
      Mi fa incazzare l'entusiasmo di gente che PAGA e prenota per sottoporsi ad un trattamento del genere dopo che è morta (ho ascoltato con le mie orecchie l'intervista..).
      La storia della merda funziona in questo modo: i cadaveri o si cremano (ho in mente immagini di meravigliosi funerali su zattere lasciate andare in mare bruciando al tramonto) o si seppelliscono nella nuda terra avviando il processo di decomposizione e trasformazione in humus (sostanzialmente merda)..Cosa c'è di piu' poetico di questo inserirsi nel ciclo biologico della vita?..
      Naturalmente tutto questo non lo vengo a raccontare a te che sai benissimo tutto e probabilmente vui sentirlo ripetere ... Ed io comunque ci sto.
      Un affettuoso saluto.

      Elimina
  13. "Body worlds" forse non è affine al mio gusto, mentre la mostra fotografica potrebbe interessarmi. Grazie della segnalazione :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le mie non sono segnalazioni sono spaccati di vita vissuta conditi con sprazi di curiosa voglia divulgativa. Mi immergo nella parte del recensore ;-)

      Elimina
  14. La mostra di McCurry pecca relativamente in originalità.

    Nella cappella di Sansevero a Napoli ci sono delle "macchine anatomiche" che risalgono al '700 circa.

    Un gran bel vedere, in un senza dubbio luogo suggestivo.

    Quanto alle macchine, vale la pena darci un'occhiata e sentire la storia della loro origina (macabra per davvero!).

    Una storia ben diversa da quella di chi, da morto, non si rassegna a cessare di vivere.

    E, in ogni caso, per farsi un'idea reale occorre toccare con mano: bisogna vedere la mostra per giudicare se vale la pena o meno vederla, in fondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto che me lo hai ricordato ci passo venerdi o sabato, sempre che gli scornacchiati degli amici miei siano ben disposti. :-D

      Elimina
    2. E' un posto unico nel suo genere, vale davvero la pena farci una "capatina" :))))

      E visto che ci sei, potresti vedere se è possibile visitare anche Napoli sotterranea.

      Anche quello luogo suggestivo e ricco di storie e leggende, non ultima quella del "monaciello" (lo stesso di cui ha scritto A. M. Ortese).

      Che poi io non sono un'appassionata di storia e cose del genere, ma certi luoghi e la vita e le leggende di cui sono intrisi mi appassionano.

      Sarà anche il modo in cui certe cose vengono raccontate... i napoletani sono maestri in certe cose!

      Elimina
  15. Fatti pure la barba e mettiti i vestiti di tutti i giorni che è meglio....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NOn ti conviene di solito faccio più impressione :-D

      Elimina
    2. Ti rispondo come ti ho promesso:Ognuno può giuocare al gioco che vuole.

      Elimina
  16. Sarà proprio ora di venirci, a Roma... chissà, magari per il tour del prossimo libro... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa che mi rattrista e che non ancora letto un tuo libro :-(

      Elimina
  17. accostamenti davvero particolari!
    l'impatto con la seconda mostra è notevole!
    interessante il tuo lato quantico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa se scopro anche il lato oscuro :-)

      Elimina
  18. Grazie per il pensiero Mark :) un abbraccio.

    RispondiElimina
  19. la prima mi traumatizza...la fotogrfia è una delle mie passioni.

    RispondiElimina
  20. A modo loro interessanti,sicuramente non banali,anzi tutt'altro.

    RispondiElimina
  21. scusa il cambio di argomento ma per completamento di informazione se vuoi puoi ripassare dal mio blog. ciao!

    RispondiElimina
  22. il mio spirito mi suggerisce di non andare a vedere cose simili perchè si turba!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo parlare con il tuo spirito, spero che non sia troppo brillo ;-)

      Elimina
  23. Risposte
    1. Non so se sia un genio, ma mi ha emozionato.

      Elimina
  24. uff.. sei il ventesimo che ne parla! Guardo dove si sposterà, se si dovesse spostare! ;) bel quantico! *

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo il ventesimo? Se lo desideri si sposterà sicuramente :-)

      Elimina
  25. Da brivido la prima mostra, non mi attrae nemmeno l'idea dopo le prime foto del sito. La seconda invece pare molto più interessante. Almeno vedendo il video dell'autore che la presenta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermo è molto interessante :-)

      Elimina

La critica è ben accetta perchè aiuta questo spazio nella crescita e nella trasformazione